0957-procida.png

TOUR PARTENOPEO CON PROCIDA - CAPITALE DELLA CULTURA

CASERTA VECCHIA - CUMA - ISOLA DI PROCIDA

Partenza: Al momento non ci sono partenze previste

2/10- Ritrovo dei partecipanti e partenza dalle località prestabilite in Bus GT alle ore 5,00. Soste lungo il percorso autostradale e arrivo al Borgo Medioevale di CASERTA VECCHIA. Incontro con guida e inizio della visita. L’antico toponimo di "Casa Hirta" le fu attribuito dai Longobardi che così vollero sottolinearne la posizione geografica impervia, ma sicura perché arroccata sulle pendici del monte Virgo. Il villaggio medievale vide il passaggio dalla dominazione longobarda a quella normanna - epoca in cui venne eretta la bella Cattedrale - e poi sveva. Con gli Angioini, in un breve lasso di tempo, il possesso della contea passò nelle mani di diverse famiglie nobili tra cui: i Pignatelli, i Belmonte, i Braherio, ed i Gaetani. Agli inizi del Trecento, Roberto d’Angiò concesse il feudo alla famiglia Della Ratta che lo detenne per circa due secoli, stabilendo però la propria residenza in un “torrazzo” situato in pianura. Con il trasferimento dei signori del luogo in pianura, anche gli abitanti di Caserta Vecchia iniziarono a stanziarsi a ridosso della Torre signorile. Prese così forma, gradualmente, il Villaggio Torre, primo nucleo abitativo dell’odierna Caserta. L’antico centro arroccato in collina venne lentamente abbandonato e vide lentamente decadere la sua importanza. Oggi è divenuta meta di visite per la sua bellezza e il suo indubbio fascino. Al termine della visita partenza per la Costa Tirrenica del GOLFO DI NAPOLI e arrivo a ERCOLANO. Incontro con le guide e visita degli Scavi dell’antica Ercolano Romana distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. La città subì la stessa sorte di Pompei, fu annientata dalla furia del Vesuvio. Il secondo giorno dell’eruzione, il 25 agosto del 79 d.C., fu particolarmente distruttivo e, oltre alle conseguenze dell’eruzione, fu colpita da un maremoto che la ricoprì di fango, lapilli e detriti. Il fango si solidificò fino ad originare un materiale estremamente resistente che ha, poi, paradossalmente finito per conservare la città. Ercolano ha restituito importanti ritrovamenti: basti pensare alla bellissima Villa dei Papiri costruita a strapiombo sul mare che custodiva oltre 1800 papiri e straordinarie sculture. Gli scavi iniziali risalgono al 1710. Con Carlo III di Borbone, nel 1738, furono avviati i primi scavi organizzati con la tecnica dei cunicoli sotterranei e dal 1828 furono autorizzati gli scavi a “cielo aperto” fino al 1875. Dal 1927 al 1958 i lavori riportarono alla luce l’area che attualmente si può visitare. In alternativa alla visita di Ercolano, nel caso in cui non fosse possibile per eventuali chiusure o sospensioni, il gruppo potrà visitare con guida il Parco Archeologico di CUMA con il suggestivo Antro della Sibilla nella particolarissima zona dei Campi Flegrei. In questo affascinante posto, a Cuma, Virgilio fa arrivare Enea, il progenitore del fondatore di Roma. Enea arriva a Cuma proprio per incontrare la Sibilla e farsi guidare nell’aldilà, nel misterioso mondo dei morti. Al termine della visita trasferimento a NAPOLI e tempo a disposizione per una piacevole passeggiata in centro nell’animata Via Toledo per un p’o’ di relax tra Caffetterie storiche, Pasticcerie e negozi di grandi firme. Alle ore 18,30 circa trasferimento all’Hotel posizionato in centro città. Cena e pernottamento. 3/10- Prima colazione con ricco buffet dolce e salato. Trasferimento al Porto di Pozzuoli per l’imbarco. Partenza in motonave per l’ISOLA DI PROCIDA (Capitale della Cultura nel 2022). Dopo una piacevole e breve traversata arrivo, incontro con la guida e inizio della visita, il gruppo sarà trasportato con i mini taxi tipici dell'isola. La visita può iniziare da Marina Grande, che ospita il porto più importante dell’isola. Qui potrete notare sin da subito il caratteristico borgo nel quale spiccano le tipiche abitazioni procidane: un quadretto d’insieme che offre un colpo d’occhio davvero suggestivo, dato soprattutto dai colori e dalle tinte pastello con cui le casette sono dipinte. La sensazione è quella di trovarsi di fronte a una meraviglia architettonica del tutto caratteristica, che comunica al visitatore sin dal primo momento l’anima e l’identità di questo fantastico luogo. All’arrivo sarà offerta una degustazione tipica : “la Lingua di Bue”, prelibato dolce isolano. Tutti i partecipanti saranno trasportati con i tipici taxi dell’Isola e accompagnati dalla guida. Il promontorio di Terra Murata che, occupa la parte più alta dell’isola. Questo luogo rappresenta da sempre per i Procidani il nucleo antico dell’isola, una vera e propria fortezza costruita per difendersi dagli attacchi esterni e dalle invasioni provenienti dal mare. Ospita alcune delle più importanti costruzioni storiche di tutta l’isola: Palazzo d’Avalos, realizzato dalla famiglia che regnò su Procida dal’ 500 fino al ’700; visita all’abbazia di San Michele Arcangelo, fondata dai monaci benedettini nell’XI secolo e custodia di dipinti, statue e circa 8.000 libri antichi; il Casale Vascello, esempio di architettura residenziale del ’500, composto da una corte circondata da case a schiera. Durante la visita pausa per il pranzo in ristorante con menù a base di pesce e bevande incluse e una speciale Cooking Class. La spiaggia di Marina Chiaiolella affacciata su un mare da un blu intenso. La Marina Corricella è definita anche come il “borgo dei pescatori” di Procida. L’isolotto di Vivara: si tratta di una piccola isola di origine vulcanica collegata a Procida mediante un ponte a picco sul mare; trattandosi di una riserva naturale protetta. Come ben si vede l'isolotto è la parte terminale di un grande cono vulcanico. Altri angoli tipici e ricchi di fascino saranno visitati in compagnia della guida. In serata trasferimento al porto e partenza in motonave per il rientro a Pozzuoli. Incontro con il Bus e partenza per il rientro. Sosta lungo il percorso per cena libera. Arrivo previsto alle ore 22,30 ca.

La quota comprende:

Viaggio in Bus GT, Pedaggi e parcheggi, spese vitto e alloggio autista; una mezza pensione in hotel 3/4 stelle a Napoli con prima colazione a buffet (dolce e salato) e bevande incluse alla cena; Passaggi marittimi in motonave da Pozzuoli per Procida Andata e Ritorno; giro isola di Procida con i tipici microtaxi e guida, Pranzo a base di pesce con antipasti e bevande incluse a Procida; Cooking Class; visite guidate a Caserta Vecchia e al sito archeologico di Ercolano o Cuma; assicurazione spese mediche e bagaglio; accompagnatore.

La quota non comprende:

Extra personali in genere, mance, eventuali tasse di soggiorno; ingressi ai siti archeologici; tutto quanto non riportato alla voce "la quota comprende".

Documenti necessari:

Supplementi / Riduzioni:

QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER PERSONA € 225,00 (min. 40 persone) € 240,00 (da 30 a 39 persone) Supplemento Singola € 25,00

Note:

PRENOTAZIONI CON ACCONTO DI € 100,00 entro il giorno 30 giugno 2021


Allegati:

Scarica il programma in formato pdf