2015-dolomiti 4.jpg

GRAN TOUR DELLE DOLOMITI

La bellezza della natura incontaminata delle Dolomiti, con i colori caldi tipici dell'estate settembrina. Il viaggio cade proprio durante la più importante festa dei Ladini di Val di Fassa. Colori, Sapori e Tradizioni.

Partenza: 06/09/2019

1°G- PARTENZA-VAL DI FASSA-LAGO FEDAIA E MARMOLADA
Partenza alle ore 5,00 dalle località concordate in Bus GT. Soste lungo il percorso autostradale e arrivo in mattinata in Trentino. Costeggiando il fiume Adige con bei panorami sui borghi montani, i castelli di Avio, Beseno si oltrepassa la città di Trento dominata dalla vetta della Paganella. In vista della conca di Bolzano si sale verso la prima delle Valli Alpine che saranno meta del ns viaggio. Dalla val di Fiemme con Cavalese e Predazzo si raggiunge la Val di Fassa.
Il primo centro abitato che incontriamo è MOENA, tipica cittadina alpina con un interessante centro storico, posta all'inizio di una delle più spettacolari valli dolomitiche e sede di partenza per escursioni al Passo San Pellegrino e alle vicine vette alpine. Percorrendo la scenografica Val di Fassa si attraversano molti borghi tipici e tra i più famosi Vigo di Fassa, Pera di Fassa,  Campitello e CANAZEI. Tempo libero per una passeggiata in centro dove si svolge la Tipica Festa de D'Ista' con bande, sfilate e degustazioni prodotti tipici. . Nel pomeriggio partenza per una escursione al Lago della Fedaja.  Il Lago di Fedaia è un lago alpino delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO collocato sulla sommità del Passo Fedaia ai piedi del ghiacciaio della Marmolada,rolex falsi la Regina delle Dolomiti, tra il Comune bellunese di Rocca Pietore in Val Pettorina (Agordino). Possibilità di una passeggiata e di una salita in funivia fino alla vetta della Marmolada, la montagna più alta delle Dolomiti, da dove si ha un panorama mozzafiato su tutte le vette dolomitiche e sul ghiacciaio.
Ritorno in Val di Fassa e sistemazione in Hotel. Cena in ristorante. Pernottamento..
2°g- VAL DI FASSA-CANAZEI-PASSO SELLA-VAL GARDENA.
Prima colazione in Hotel e Partenza in Bus per una escursione che prevede la salita al Passo Sella con viste spettacolari sul gruppo del Sella-Pordoi, il gruppo del Sassolungo-Cinquedita- Sassopiatto. Qui chi volesse percorrere un sentiero facile immergendosi in una natura incontaminata potrà scegliere di effettuare questa escursione con possibilità di raggiungere il Col Rodella e il Rifugio Sandro Pertini o il Rifugio Demetz alla Forcella del Sassolungo oppure un itinerario Trekking costeggiando i torrioni del gruppo Sella. Proseguimento per la Val Gardena e discesa fino a Selva per poi continuare con Santa Cristina e giungere poi a ORTISEI, una delle più caratteristiche cittadine dolomitiche con forte cultura "Ladina". Visita liber  a con il centro storico e la Chiesa Parrocchiale in stile barocco tirolese. Per chi vuole assaggiare una specialità della valle, sosta ad una pasticceria del centro storico (consigliate la Demetz, la Perathoner, la Langgartner ) molto frequentate anche dal Presidente Sandro Pertini. In giornata sosta ad uno studio di uno scultore del legno, altra assoluta imperdibile eccellenza della zona. Rientro nel pomeriggio in val di Fassa e tempo libero per una passeggiata nel borgo o lungo il fiume Avisio.Cena in ristorante e pernottamento.
3G- CANAZEI-PASSO PORDOI-CORTINA D'AMPEZZO-DIGA DEL VAJONT-RIENTRO
Prima colazione in Hotel partenza in Bus per il Passo Pordoi, sosta per foto sullo spettacolare bastione del gruppo Sella e proseguimento per Arabba, il Passo Falzarego e arrivo a CORTINA D'AMPEZZO. In questo itinerario percorreremo la famosa "Strada delle Dolomiti" uno dei più famosi e spettacolari percorsi d'Italia. Arrivando a Cortina si apre uno scenario alpino stupefacente: la cittadina è letteralmente coronata da imponenti montagne: Il Cristallo, le 5 torri, il Sorapis, il Pomagagnon, l'Antelao e le Tofane. Sosta per una passeggiata nel centro della "Regina delle Dolomiti"e proseguimento per la valle di Cadore fino a Longarone.
Visita alla Diga del Vajont che è stata, purtroppo, teatro della tragedia procurata dalla frana del monte Toc nel lago artificiale della diga che provocò morte e desolazione nella valle sottostante. Era il 9 ottobre 1963. Nel pomeriggio partenza per il rientro. Soste lungo il percorso e cena libera. Alle ore 23,00 arrivo previsto alle località di partenza.

La quota comprende:

Viaggio in Bus GT, pedaggi e parcheggi, spese autista; n. 2 pernottamenti con prime colazioni buffet in Hotel 3/4 stelle in Val di Fassa; n. 2 cene in ristorante con bevande inclusa; visita guidata alla Diga del Vajont; accompagnatore agenzia, assicurazione spese mediche e bagaglio.

La quota non comprende:

Mance, extra personali in genere e tutto quanto non riportato alla vove "la quota comprende".


Documenti necessari:

  • Carta Identità


Note:

€ 220,00 (min.40 pax), € 250,00 (min. 30 pax) Supplemento camera singola € 50